PSICOLOGIA

PSICOLOGIA

Lo psicologo del Centro Medico Privato Lazzaro Spallanzani di Reggio Emilia è preparato non solo per accogliere le necessità dei pazienti in ambito prettamente psicologico, ma anche in ambito neuropsicologico. Il reparto di psicologia del Centro Medico Privato “Lazzaro Spallanzani” di Reggio Emilia è di vitale importanza anche per il corretto sviluppo e funzionamento degli altri reparti dell’intera struttura.

Dopotutto è ormai indispensabile, da parte dello psicologo, conciliare gli aspetti che incidono maggiormente nella salute di un paziente, quello patologico e quello psicologico, che può progredire in un rapporto di causa-effetto rispetto a molte malattie anche piuttosto debilitanti o pericolosamente gravi.

La psicologia è quel tipo di ambito in medicina che si occupa di analizzare quelli che sono i processi cognitivi, siano essi consci od inconsci, i processi mentali e psichici dell’individuo. Potendo riassumere potremmo dire che alla base degli studi applicati dallo psicologo ci sono quelli relativi ai processi comportamentali e mentali. Questi ambiti possono essenzialmente essere suddivisi in due categorie piuttosto ampie, che sono quelle dei processi dinamici e dei processi cognitivi.

La disponibilità e la grande completezza dell’offerta del Centro Medico Privato Lazzaro Spallanzani di Reggio Emilia consente un completo e sicuro check up a livello neuropsicologico ed un indispensabile sostegno per quanto riguarda l’aspetto psicologico. Un aiuto che risulta essere decisivo per riguadagnare serenità ed un presente di benessere personale grazie ad un ritrovato equilibrio.

La prenotazione di una visita è già una parte importante del problema che si risolve, verso una guarigione più che completa. Non esitate!

PRESTAZIONI EFFETTUATE E COSTI
EQUIPE MEDICA

DOTT. SSA FERRANTE FEDERICA – Visualizza Scheda

 

 

CHI E' LO PSICOLOGO?

Lo Psicologo

La psicologia e lo psicologo si occupano permettono ai processi mentali e comportamentali dei soggetti di trovare il giusto equilibrio e armonia, questi processi possono essere anche riconosciuti come processi dinamici e cognitivi.

I processi dinamici sono processi di tipo mentale che vengono di solito accostati alle caratteristiche evidenziate in personalità particolarmente integrate. Questo tipo di processi si possono classificare in base ai tipi di interazione e sono: bisogno, pulsione, attaccamento, motivazione, emozione e personalità.

Non è sempre agevole identificare questo tipo di processi, ma volendoli analizzare possiamo descrivere il bisogno come uno stato di tensione a seguito di una mancanza di cose o persone che sono divenute, nel corso del tempo, necessarie ed irrinunciabili al fine della piena realizzazione di sé stessi. La pulsione può corrispondere ad uno stato di eccitazione in genere dai caratteri modificabili a seconda dell’esperienza individuale. L’attaccamento è un tipico ed intenso legame di carattere affettivo sviluppatosi nei confronti di una cosa, una persona o un particolare ambiente, è una sorta di residuato che l’individuo mutua dal comportamento nei confronti del soggetto materno in età infantile.

La motivazione è quel tipo di comportamento che guida l’interesse di un animale o di un individuo verso il raggiungimento di un certo scopo. Le motivazioni hanno varie forme ed origini e possono essere primarie e secondarie, ma anche coscienti ed inconsce, oppure permanenti o transitorie. L’emozione è un’intensa reazione di carattere affettivo che viene a manifestarsi in reazione ad un tipo di stimolo di natura ambientale, ed è immediatamente riscontrabile in quanto è causa di modifiche generalizzate a livello psichico, vegetativo e somatico. Infine la personalità è quel nucleo di natura poco e difficilmente modificabile che tende a rimanere simile anche in presenza di vari stimoli che possono arrivare da situazioni di vario tipo e che forniscono opportunità di interazione al soggetto.

I processi cognitivi sono quei processi atti alla formazione del soggetto, in quanto intervengono direttamente sull’individuo che, attraverso il loro sfruttamento, è in grado di raccogliere informazioni dal punto di vista ambientale e poi di riorganizzarle al fine di utilizzarne le basi in situazioni di interazione con l’ambiente circostante.

I processi di natura cognitiva corrispondono all’intelligenza, alla memoria, alla percezione, all’attenzione, all’immaginazione, al pensiero, alla coscienza ed al linguaggio. L’intelligenza è quel processo in grado di consentire, attraverso l’interazione con l’ambiente da parte dell’uomo, di risolvere una serie di problemi che vanno affrontati implicando nel processo risolutivo una forma di strutturazione dal punto di vista ambientale. La memoria è quell’abilità da parte dell’individuo di conservare esperienze precedenti ed utilizzarle per gestire le future relazioni con il mondo.

La percezione è quella capacità dell’individuo di riconoscere ed acquisire informazioni utili dell’ambiente circostante attraverso l’utilizzo dei sensi del tatto, della vista, dell’olfatto, del gusto e dell’udito. L’attenzione è la capacità di selezionare una serie di stimoli che possano tornare utili per quel che riguarda la pratica dei sistemi di vigilanza personale e dell’ambiente circostante. L’immaginazione è quel talento che consente all’individuo di fornire una rappresentazione di un ambiente di un oggetto o di un altro individuo senza ricorrere alla sua effettiva presenza.

Il pensiero è un’attività mentale che permette di comunicare con altri interlocutori attraverso i fenomeni come il ragionamento o la riflessione che vengono poi riprodotti nella comunicazione dei segni. La coscienza è quel tipo di fenomeno che ci rende in grado di riconoscere, appunto, la coscienza di sé stessi, la propria collocazione nel mondo e la reale coesistenza tra questo, il proprio io e gli altri. Il linguaggio è quell’insieme di segni e codici che ci consentono di identificare l’ambiente e di riconoscerlo attraverso l’utilizzo di un suono articolato, al fine di poter comunicare, mantenere ed elaborare ogni genere di informazione.

Esistono poi, altri caratteristici processi mentali che corrispondono all’opinione, che corrisponde a quel tipo di credenza che non impone obbligatoriamente una verità data per scontata. Un tipo di interazione che poi va a creare l’interazione comunicativa all’interno del gruppo, che agisce come fonte di modifica o di mantenimento dell’opinione stessa.

All’atteggiamento, quel tipo di disposizione attraverso la quale interagiamo con gli altri e che va a caratterizzare la diversità di comportamento rispetto agli altri. Alla sensazione, una risposta agli stimoli sui nostri organi sensoriali che ci arriva dall’esterno. Ed infine al comportamento manifesto, rappresentato da quell’insieme di carattere stabile di azioni o reazioni provenienti dallo stesso organismo interno o da un ambiente esterno.

Iscriviti alla News Letter del CMLS

Visualizza l'informativa Privacy

VISUALIZZA LA NOSTRA OFFERTA SANITARIA E IL COSTO DELLE NOSTRE PRESTAZIONI.
Scegli il Laboratorio di tuo interesse: