Fisioterapia: come curare l’artrite reumatoide

L’artrite reumatoide è una patologia che interessa perlopiù la popolazione adulta, dai 40 ai 55 anni di età.

Indistintamente dalla zona colpita l’artrite reumatoide rappresenta un problema per mani e piedi. Ecco come la fisioterapia risulta utile per la sua cura.

La combinazione di determinati fattori è quella che più di ogni altra può rappresentare la causa scatenante di questa patologia. In questo caso si parla di un insieme di fattori genetici che possono intervenire nel favorire l’insorgenza del problema dell’artrite reumatoide.

La genetica, tuttavia, non può essere l’unico fattore ma deve essere accompagnato da un ulteriore causa scatenante della patologia.

In questo caso si parla di fattori di cronicità legati a problemi dei tessuti sinoviali. Questi se colpiti con frequenza da condizioni infiammatorie possono sviluppare cronicità. Ecco, quindi, che si arriva a sviluppare condizioni come l’artrite reumatoide.

 

La cura dell’artrite reumatoide:

La natura specifica di una problematica come l’artrite reumatoide richiede un intervento di carattere specifico a livello articolare. Tanto per le mani quanto per i piedi può verificarsi l’interessamento delle strutture di questi distretti corporei di problemi relativi a questa patologia.

In ragione del fatto che proprio le strutture di mani e piedi, quindi le strutture articolari, siano quelle maggiormente colpite da questa patologia, è utile valutare l’efficacia della fisioterapia per il pieno recupero dal problema.

Il semplice intervento farmacologico, infatti, può non essere sufficiente per fornire una difesa contro la cronicità della patologia.

Si considera fondamentale, infatti, il pieno recupero delle attività muscolari per un perfetto funzionamento delle strutture complete delle articolazioni.

Questo tipo di intervento, tuttavia, non punta solo a sviluppare una sorta di “barriera protettiva” contro problemi come l’artrite reumatoide, ma può risultare utile anche per la riduzione della condizione di dolore.

Differenziando gli interventi specifici per mani e piedi, è possibile riconoscere come questi, a livello delle mani, questi siano importanti soprattutto per il rafforzamento della muscolatura. Ma anche per un corretto recupero della funzionalità ossea.

risulta ovvio l’importanza di questo intervento in fisioterapia, in quanto il recupero di funzionalità specifiche permette di ridurre le problematiche proprie che tendono a svilupparsi nelle mani.

L’importanza della fisioterapia, a questo punto, è decisiva anche per quanto riguarda i piedi. A livello dell’articolazione delle caviglie questa è sviluppata per il rafforzamento muscolare. Questo si traduce in un miglioramento dell’equilibrio, un modo indispensabile per evitare lo sviluppo di eventi traumatici.

Questi possono essere direttamente legati allo sviluppo di artrite reumatoide. Questo tipo di applicazione è fondamentale per il miglioramento della qualità della vita dei pazienti colpiti da problemi trattabili con la fisioterapia.

 

Un consulto specifico da un fisioterapista esperto per problemi a mani e piedi, a questo punto, risulta indispensabile.

Ripresa dell'attività ambulatorialeAbbiamo bisogno anche del tuo aiuto
Clicca qui per scoprire quali accorgimenti seguire