PODOLOGIA

PODOLOGIA

Le visite specialistiche con il Podolgo presso il reparto di Podologia del Centro Medico Lazzaro Spallanzani di Reggio Emilia possono essere la soluzione alla maggior parte dei problemi legati alla salute dei piedi.  Non è inusuale andare incontro a problematiche per la salute legate al piede. Alcune sono piuttosto gravi, altre meno, ma tutte comunque trattabili e diagnosticabili grazie al sostegno di un esperto podologo. Sostegno che potrete avere prenotando ora una visita specialistica podologica per un check up completo per la salute dei vostri piedi.

La figura di riferimento per chi ha bisogno di una diagnosi o di curare delle patologie del piede è quella del podologo. Un tipo di professionista che basa la sua conoscenza sugli studi che vanno dalla diagnosi alla cura fino alla riabilitazione del piede e che interviene, in concertazione con altri esperti, riguardo malattie più pericolose come, appunto, il piede diabetico. Facendo riferimento alle patologie più diffuse possiamo menzionare i problemi legati alle unghie, come l’unghia incarnita e le ipercheratosi. L’unghia incarnita è tra le patologie più dolorose e si viene a manifestare quando si persevera nel tagliare, in maniera arrotondata, le estremità dell’unghia dei piedi. L’unghia cresce arcuandosi e penetrando attraverso la pelle. La conseguenza è un forte dolore seguito da una pericolosa infezione. Patologia che può arrivare a richiedere anche un intervento di carattere chirurgico. Di natura differente è, invece, l’ ipercheratosi, cioè un aumento dello spessore della pelle, ed un successivo indurimento, che si sviluppa solitamente sulla pianta dei piedi o sul palmo della mano. Un tipo di formazione che può diventare piuttosto dolorosa se non trattata immediatamente, in quanto tale difetto può arrivare a comprimere e lacerare i tessuti interni della superficie in maniera problematica e causando anche ulcerazioni.

PRESTAZIONI EFFETTUATE E COSTI
EQUIPE MEDICA

DOTT. FELICIA CARFAGNA
Podologa – Visualizza Scheda

CHE COSA E' LA PODOLOGIA

Podologia

Il podologo è in grado di occuparsi di tutte quelle pratiche che hanno a che fare con la fisiologia, i trattamenti e le patologie del piede. Il campo, per quanto circoscritto ad una parte ben precisa e localizzata del corpo umano, ricopre un numero di trattamenti e pratiche molto elevato che tendono a curare i problemi relativi al piede in maniera assai approfondita andando a trattare micosi, duroni, occhi di pernice, verruche, lamine ungueali, tilomi, igiene e corretto taglio delle unghie, ulcere e lesioni per il “piede diabetico” ed unghia incarnita.

Gli interventi del podologo sono interventi indispensabili in quanto solo chi soffre di queste particolari patologie sa quanto sia doloroso affrontare una giornata di lavoro, un’uscita tra amici o con il partner con alcuni di questi problemi. Uno degli ultimi fondamenti in campo medico è quello che sottolinea come, attraverso i piedi, possa passare in gran parte la salute del resto del corpo. D’altronde il nostro benessere, per quanto riguarda tutto il corpo, non può non essere influenzato dal nostro modo di muoverci, di camminare.

Molte patologie che si sviluppano lontano dalle estremità dei nostri arti inferiori, spesso, vengono accentuate, od in qualche modo influenzate, dalla salute e dalla cura che forniamo ai nostri piedi, e molto spesso questo tipo di attenzione è assai superficiale o non tenuta nella dovuta considerazione quando alcuni segnali della nostra cattiva salute arrivano proprio dai piedi.

Una delle patologie curate dal podologo e più critiche che possono riguardare il piede è quella del cosiddetto piede diabetico. Un tipo di sindrome caratterizzata da due differenti assetti patologici: il piede neuroischemico ed il piede neuropatico. Il piede diabetico è considerato come una complicazione che si verifica quando si è malati di diabete. Ad intervenire dal punto di vista patologico sono, appunto, il carattere neuroischemico e neuropatico di questa sindrome. Nel caso del piede neuropatico parliamo di un’alterazione a livello di equilibrio muscolare, di sensibilità, di percezione degli stimoli e di autoregolazione vegetativa.

La duplice azione della neuropatia incide sull’aspetto motorio del piede, in quanto ad essere danneggiate sono le fibre nervose intorno alla muscolatura del piede, un danno che ha come conseguenza quella di far agire il piede in maniera piuttosto disordinata, in quanto non in grado di coordinare gli impulsi che giungono dal cervello.

Altro tipo di azione è quella sensitiva, un disturbo che può arrivare a modificare la sensibilità del piede fino a condizionare quella che è la sensibilità al dolore che, nel caso dei malati di diabete, funziona come un importante campanello d’allarme che, nel caso di neuropatia sensitiva, viene pericolosamente silenziato.

Un danno che può portare a pericolose conseguenze tanto da richiedere un monitoraggio continuo delle condizioni di salute del piede, per verificare se si presentano traumi da urti violenti che il piede non ha riconosciuto per via dell’innalzamento della soglia del dolore in seguito alla perdita di sensibilità, o se, in conseguenza di un aumento di pressione esercitato da una calzatura della misura inadeguata, si verifichino forme di lacerazioni o lesioni più o meno gravi e, quindi, infezioni ed infiammazioni.

L’impegno di chi si trova a dover curare questo tipo di patologie, il podologo, è assai importante.

Iscriviti alla News Letter del CMLS

Visualizza l'informativa Privacy

VISUALIZZA LA NOSTRA OFFERTA SANITARIA E IL COSTO DELLE NOSTRE PRESTAZIONI.
Scegli il Laboratorio di tuo interesse: