MAMMOGRAFIA 3D CON TOMOSINTESI*

L’esame fondamentale per la prevenzione del tumore al seno

Il sistema di mammografia 3D con tomosintesi digitale del Centro Medico Lazzaro Spallanzani di Reggio Emilia è tra i più innovativi a disposizione. Lo strumento è dedicato alla diagnosi precoce e accurata del cancro al seno, con comprovate prestazioni cliniche superiori alla mammografia 2D.

*La scelta di effettuare la Mammografia 3D oppure la Mammografia 2D è a descrizione del Medico che valuta, a seconda dei casi, l’esame più idoneo.

+41% di lesioni invasive rilevate*

rispetto alle mammografia 2D

-40% RIDUZIONE DEL FALSO POSITIVO*

e delle conseguenti ulteriori indagini

Ispezione in strati sottili 1mm *

grazie alla tecnologia 3D

Visita Senologica + Ecografia

90
  • Prenota telefonicamente chiamando 

Richiedi una visita con un medico dell’Istituto Europeo di Oncologia

un’équipe di esperti a tua completa disposizione

Dott. Scarcella

Dott. Scarcella

Radiologo

Dott.ssa Magnoni

Dott.ssa Magnoni

Senologa

Dott. Sassi

Dott. Sassi

Oncologo, Senologo

Dott.ssa Marzi

Dott.ssa Marzi

Tecnico Radiologo

L’unità di senologia del Centro Medico Lazzaro Spallanzani è un punto di riferimento a Reggio Emilia per la prevenzione di patologie che interessano la mammella, soprattutto il tumore al seno.

Il Centro offre un percorso completo che prevede sia visite specialistiche e approfondimenti diagnostici, quali ecografie mammarie e mammografie, che attività chirurgiche per la cura del tumore al seno.

La prima fase di analisi clinica e diagnostica viene eseguita dai medici specialistici del Centro Medico Lazzaro Spallanzani e dai professionisti dell’Istituto Europeo di Oncologia (IEO), mentre la seconda di terapia chirurgica può esser effettuata presso lo IEO.

Con il progetto Medici IEO nella tua città viene portata l’esperienza e la qualità IEO nell’ambito di prevenzione, diagnosi e cura al Centro Medico Lazzaro Spallanzani di Reggio Emilia in esclusiva sul territorio regionale.

La convenzione permette un filo diretto con lo IEO ed è stata fortemente voluta per garantire un supporto vicino e sempre disponibile:

  • le pazienti potranno incontrare gli specialisti IEO presso il nostro centro, senza dover raggiungere la città di Milano
  • le pazienti che intraprenderanno un percorso terapeutico di tipo chirurgico, potranno effettuare nel nostro centro i controlli post-operatori con gli specialisti IEO
Cos’è la mammografia? A cosa serve?

La mammografia è un esame di radiologia diagnostica della mammella. È l’unico esame efficace per la diagnosi precoce di tumore alla mammella perché individua micro-calcificazioni o noduli di piccole dimensioni.

Questo tipo di esame radiografico ha una sensibilità diagnostica dell’80-85% per i seni con forte componente adiposa.

L’affidabilità diminuisce all’80% nei seni con componente principalmente ghiandolare, che risultano essere densi. In questi casi, l’indagine diagnostica può esser compensata con un esame complementare, come l’ecografia.

Quando si fa la mammografia?

La mammografia è consigliata a donne sopra i 40 anni. L’esame dovrebbe essere anticipato intorno ai 35/38 anni in casi di familiarità di tumore alla mammella. 

Il periodo migliore in cui effettuare il test è durante la prima settimana del ciclo mestruale, o al massimo entro il 14° giorno di ciclo. In questo periodo, il seno è meno denso ed è più facile esaminarlo.

Fino ai 50 anni di età, l’esame si può ripetere ogni 24 mesi o, in caso di fattori di rischio, una volta l’anno. Oltre i 70 anni si consiglia di ripetere l’esame ogni 12 mesi poiché aumentano i casi di cancro alla mammella.

Si può effettuare la mammografia con il ciclo mestruale?

La mammografia è ideale eseguirla nei giorni successivi alle mestruazioni poiché il seno è più morbido.

Quali casi non possono esser esaminati?

Tutti i seni possono essere esaminati: seni piccoli, mammelle maschili e seni con protesi additive. Qualora ci siano le protesi, è consigliabile associare l’esame ecografico a completamento dell’indagine perché la protesi potrebbe rendere non visibili alcune aree della mammella.

Per quali persone non è indicato?

Essendo un esame radiologico, la mammografia non è indicata per persone in gravidanza.

Come si svolge l’esame?

La mammografia non richiede alcun tipo di preparazione e dura circa 10 minuti. La paziente viene posizionata in piedi di fronte al mammografo e la mammella viene poggiata sulla base del mammografo e, successivamente, compressa in modo graduale con un piatto in plexiglass.

La compressione non provoca dolore, al massimo viene avvertito un fastidio che passa in pochi minuti.

Il mammografo è dotato di tomosintesi, un sistema che analizza la mammella in 3D permettendo di analizzarne le singole sezioni sottili. La visualizzazione di queste sezioni permette di aumentare la sensibilità dell’esame.

La compressione non provoca dolore, al massimo viene avvertito un fastidio che passa in pochi minuti.

Il mammografo è dotato di tomosintesi, un sistema che analizza la mammella in 3D permettendo di analizzarne le singole sezioni sottili. La visualizzazione di queste sezioni permette di aumentare la sensibilità dell’esame.

Quali sono le differenze con l’ecografia mammaria?

L’ecografia mammaria è un esame diagnostico che prevede l’utilizzo degli ultrasuoni per la valutazione della mammella nella sua struttura adiposa e fibrosa, individuando i fibroadenomi o la mastopatia fibrocistica. E’ un esame indicato per le donne giovani, entro i 40 anni e che non hanno familiarità di cancro al seno.

L’ecografia mammaria è un esame complementare alla mammografia nei casi di seni particolarmente densi.

Si esegue la mammografia con protesi al seno?

Assolutamente sì in quanto la struttura ghiandolare della mammella non subisce variazioni a causa dell’intervento.

Si può eseguire la mammografia durante l’allattamento?

L’allattamento non impedisce l’esecuzione dell’esame diagnostico. Può essere eseguito senza problemi, al massimo si avvertirà un lieve fastidio durante la compressione della mammella.

.

La mammografia si può effettuare a donne incinte?

La mammografia non è eseguibile a donne in gravidanza poiché viene emessa una piccola quantità di radiazioni.

Richiedi maggiori informazioni



sino


sino