infiltrazioni cellule mesenchimali

Terapia con 

cellule mesenchimali

Ginocchio, anca, caviglia, spalla, collo, gomito, polso, schiena, ernie…

Gli specialisti del Centro Medico Privato Lazzaro Spallanzani possono agire efficacemente sul tuo dolore grazie alle infiltrazioni di cellule mesenchimali.

i vantaggi dell’infiltrazione

Una pratica testata scientificamente a livello mondiale per la cura e la “riparazione” di tessuti e organi, soprattutto in ambito sportivo, ma non solo. Ginocchio, anca, caviglia, spalla, collo, gomito, polso, ma anche schiena ed ernie al disco possono trovare con questa nuova tecnica alternative efficaci in grado di ristabilire la parte dolorante.

Effetto duraturo: oltre i 6 mesi

Ritorni subito alla tua quotidianità

Nessun segno evidente o cicatrice

affidati a un equipe di alto livello

Dott. Pederzani

Dott. Pederzani

Ortopedico

Dott.ssa Bellan

Dott.ssa Bellan

Ortopedico

Dott. Budassi

Dott. Budassi

Ortopedico

Dott.ssa Legina

Dott.ssa Legina

Ortopedico

Dott. Bertanzetti

Dott. Bertanzetti

Ortopedico

Dott. Reverberi

Dott. Reverberi

Terapista del dolore

Come avviene l’intervento

1. Anestesia locale

Il chirurgo, in sala operatoria eseguirà una anestesia locale sulla zona donatrice.

2. Prelievo di grasso

Spesso la zona donatrice è l’addome o le cosce. Grazie a un ago lungo e sottile viene prelevata una piccola quantità di grasso che finisce in una speciale siringa. 

3. Preparazione cellule mesenchimali

 La siringa viene inserita in una centrifuga. All’interno della siringa vi sono delle microsfere di metallo che permettono la microframmentazione del grasso, separando le cellule mesenchimali intatte dal prodotto di scarto.

4. Infiltrazione

Solo le cellule mesenchimalli vengono infiltrate nell’articolazione da trattare e il loro effetto antinfiammatorio e antidegenerativo inizia immediatamente, i risultati effettivi del trattamento è possibile apprezzarli mediamente dopo 15 giorni.

Richiedi maggiori informazioni Senza impegno.



sino


sino

Ripresa dell'attività ambulatorialeAbbiamo bisogno anche del tuo aiuto
Clicca qui per scoprire quali accorgimenti seguire